Cosa resta davvero di Real-Napoli ma non se ne parla

Standard

Va premesso che vivendo in quel di Madrid il mio punto di vista è diverso e con una prospettiva differente rispetto alla percezione che di questo match si è avuta in Italia. Questo sicuramente mi offre una quantità  di spunti e di sensazioni che non sono trapelate sui media Italiani. A distanza di una settimana dalla oramai celebre partita del Bernabeu  la discussione è sempre molto alta, sia in Italia che in Spagna. Ma con toni nettamente divergenti. In Italia il dibattito è stato quasi del tutto monopolizzato dallo sfogo di De Laurentis e dalla reazione di Sarri, ai tweet di Reina e via cantante. Tra l’altro, sembra quasi che il discorso si sia chiuso nella notte di Madrid, e già  quasi non si dà  importanza alla gara di ritorno al San Paolo. Il che è del tutto illogico,  visto che la qualificazione è ancora in bilico. Ma c’è un’altra cosa, che è stata quasi eliminata dai media italiani, e che invece ha avuto grande risalto in terra Iberica: il gran impatto dei tifosi napoletani sulla città. La notte antecedente e il giorno della partita sono stati innanzitutto un grande spettacolo umano. Una vera e propria festa, ricca di colori, in cui l’azzurro incontrava il bianco delle merrngues in tanti bar, vie, piazze e negozi della capitale spagnola. Per la Gran via, Puerta del sol , per il Paseo de la Castellana la fiumana del tifo partenopeo ha letteralmente conquistato la città.  Con un altissimo tasso di simpatia e   di amicizia che si è sparso in ogni lato. Tanto per le strade che nello stesso stadio le due tifoserie si sono mischiate, non solo senza problemi, ma anzi con una forte stima reciproca e in un clima disteso e amichevole. Tanto che sono stati dedicati articoli alle canzoni e alla storia del tifo napoletano dai giornali più prestigiosi come il celebre Marca E guadagnarsi il rispetto e l’amicizia della tifoseria  madri lista, vi assicuro, non è affatto semplice. Inoltre, nonostante la prova non esemplare dell’undici di Sarri, la qualificazione è ancora aperta. E per tutta la città di Madrid si incontra il timore per un ritorno al San Paolo (definito un vero e proprio inferno) che ritengono( a mio avviso a ragione) complicato, tenuto conto anche di alcune prestazioni in trasferta che hanno offerto i blancos  durante la stagione, e conoscendo bene la forza incredibile del Napoli in casa. Ecco quello che invece è sparito( o quasi) dai media italiani. Sarebbe bello che da oggi fino alla gara di ritorno si tornasse a mettere al centro questo: la grande umanità e forza dei napoletani e la speranza reale e concreta di una possibole( seppur difficile) rimonta.

Attilio Di Lauro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...